Spezia-Napoli 1-4, uragano Osimhen, la Champions si avvicina

La corsa ai primi posti della classifica si tinge d’azzurro.
Spezia-Napoli, gara d’apertura della Trentacinquesiama giornata di Serie A, finisce 1-4 con una gran prestazione dei partenopei che rimediano al pareggio interno contro il Cagliari. 
Al Picco Italiano schiera il 4-3-3 con Provedel, Vignali, Ismajli, Chabot, Marchizza, Estevez, Ricci, Maggiore, Verde, Agudelo e Gyasi.
Gattuso manda in campo, col 4-2-3-1, Meret, Di Lorenzo, Rrahmani, Manolas, Hysaj, Fabian Ruiz, Demme, Politano, Zielinski, Insigne e Osimhen.
Al fischio di Irrati i padroni di casa provano a tenere alta la difesa e a mettere in fuori gioco i partenopei.
La scelta è poco saggia e lo si intuisce già al 12′ quando Vignali si fa portar via la palla da Osimhen che parte come un treno punta la porta e scarica una bordata che esce fuori di poco. Successivamente la squadra di Gattuso, sfruttando ancora un buon lavoro della punta nigeriana, costruisce una bellissima azione: Di Lorenzo affonda a destra e al 15′ Zielinski è puntuale all’appuntamento col gol.  Lo Spezia reagisce con un tiro di Estevez che sceglie di andare alla conclusione mentre i suoi sono protesi in avanti, il pallone è respinto, arriva a Zielinski che, al 23′, effettua uno splendido lancio d’esterno per Osimhen che in velocità brucia la linea difensiva e fa gol. Al 44′ Victor realizza la doppietta stoppando il pallone di petto a centro area, imbeccato da Insigne su punizione; la difesa spezina “dorme” e il 9 azzurro spara una cannonata sotto la traversa. Il primo tempo finisce col dominio del Napoli. Nel secondo tempo la situazione non cambia molto. Al 46′ entra Piccoli per Verde.
Al 50′ c’è un inserimento di Demme che tira sul primo palo ma Provedel respinge.
Al 57′, in ripartenza, una progressione di Politano semina il panico tra gli avversari ma il tiro dell’esterno è troppo alto.
Gli azzurri si distraggono al 64′ e incassano il gol dello Spezia con Piccoli che ribedisce in rete una respinta di Meret.
Gattuso procede con alcuni cambi al 69′ inserendo Mertens per Zielinski e Mario Rui per Hysaj tuttavia l’attaccante belga è sfortunato, riporta un trauma distorsivo alla caviglia e deve uscire.
Così, al 76′ entra Elmas al suo posto e Lozano rileva Politano.
Italiano mette forze fresche al 78′ ma i suoi sembrano proprio non essere in partita e così a nulla valgono gli ingressi di Saponara per Agudelo e di Acampora per Estevez.
Anzi, al 79′, parte ancora uno scatto bruciante di Osimhen che offre a Lozano il pallone del poker.
All’84’ Petagna entra al posto di Osimhen, grandissimo protagonista della vittoria napoletana che, dopo quattro minuti di recupero, prende ufficialmente corpo lanciando il Napoli verso la Champions League.

IL TABELLINO:

Spezia-Napoli 1-4

Spezia (4-3-3) – Provedel; Vignali, Ismajli, Chabot, Marchizza; Estevez (78′ Acampora), Ricci, Maggiore; Verde (46′ Piccoli), Agudelo (78′ Saponara), Gyasi (68′ Farias). A disp: Zoet, Terzi, Erlic, Salva Ferrer, Bastoni, Pobega, Agoume, Galabinov. All.: Vincenzo Italiano

Napoli (4-2-3-1) – Meret; Di Lorenzo, Manolas, Rrahmani, Hysaj (69′ Mario Rui); Fabian, Demme; Politano, Zielinski (69′ Mertens, 76′ Elmas), Insigne; Osimhen (83′ Petagna). A disp: Ospina, Contini, Costanzo, Zedadka, Bakayoko, Labriola, D’Agostino. All.: Gennaro Gattuso

Arbitro: Massimiliano Irrati (Pistoia)

Marcatori: 15′ Zielinski (N), 23′, 44′ Osimhen (N), 64′ Piccoli (S), 79′ Lozano (N)

Ammoniti: Ricci, Estevez, Vignali (S) Hysaj, Osimhen (N).

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime news

Potrebbe interessarti

In evidenza

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com