Hellas Verona-Napoli 3-1, gli azzurri sbandano al Bentegodi

Nonostante il gol del vantaggio messo a segno dopo pochi secondi, i partenopei giocano una pessima partita e incassano ben tre reti dai padroni di casa che rimontano e vincono.
L‘Hellas Verona annienta il Napoli con un pesante e meritato 3-1 che evidenzia tutti i limiti che gli avversari si portano dietro da inizio stagione.
Nella sfida valida per la Diciannovesima giornata di Serie A Juric sistema i suoi col 3-4-2-1 con Silvestri, Dawidowicz, Günter, Dimarco, Faraoni, Tameze, Ilić, Lazović, Barák, Zaccagni e Kalinić.
Gattuso risponde col 4-2-3-1 con Meret, Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Hysaj, Bakayoko, Demme, Lozano, Zielinski, Insigne e Petagna.
Al fischio d’inizio Zielinski tocca il pallone per Demme che lo lancia in avanti, Di Marco sbaglia e Lozano fredda Silvestri.
Al 1′ gli ospiti sono immediatamente in vantaggio e hanno la gara in totale discesa.
Al 20′ Demme si inserisce in area e calcia ma colpisce Lozano che devia fortuitamente davanti al poriere battuto.
Il Napoli sembra essere sulla strada giusta e al
26′ solo una gran parata di Silvestri, che salva su un destro di Demme, evita il crollo veronese.
Tuttavia, al 34′ pareggia il Verona con un destro al volo in area di Di Marco, lasciato solo davanti al portiere.
Il Napoli scompare dal campo e al 38′ una girata di Lazovic impegna Meret.
Il primo tempo finisce con il guizzo di Lozano che, al 42′, vola, affonda e calcia ma il tiro è alto di poco.
Nel secondo tempo la gara diventa più vivace coi ragazzi di Juric arrembanti e i partenopei sempre più confusi.
Al 56′ entrano Magnani per Di Marco e Di Carmine per Kalinic.
Al 60′ Gattuso inserisce Mertens, toglie uno spaesato Insigne e mette Zielinski a sinistra con Dries al posto del polacco.
Al 62′ parte il Verona in velocità sulla sinistra e con un diagonale in area di Barak passa in vantaggio.
Gattuso cerca di innescare una reazione nei suoi e ridisegna il Napoli al 65′, minuto che sancisce il ritorno in campo di Osimhen che rileva Petagna.
Entra anche Politano per Demme e gli azzurri passano ad un 4-2-3-1 nella sua forma più offensiva possibile.
Al 70′ il tiro cross di Lozano, migliore in campo dei suoi, non trova nè porta, nè deviazione di un compagno.
Al 76′ entra Lovato per Gunter e al 79′ i padroni di casa chiudono la partita: la retroguardia napoletana sbanda ancora, Meret salva ma poi il colpo di testa di Zaccagni su cross Lazovic scrive la parola “fine” sull’incontro.
All’83’ arrivano le ultime sostituzioni, entrano Lobotka per Bakayoko, Elmas per Zielinski e Bessa per Zaccagni.
Nel finale Politano cerca l’azione personale e al 92′ spara fuori.
Il Napoli chiude la ripresa senza piazzare un sol tiro nello specchio della porta di Silvestri.

IL TABELLINO:

Hellas Verona-Napoli 3-1

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime news

Potrebbe interessarti

In evidenza

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com