Giancarlo Siani «Giornalista-Giornalista», il libro omaggio de Il Mattino a 35 anni dalla scomparsa

“Giornalista-Giornalista” è il titolo del libro che il quotidiano “Il Mattino”
darà in omaggio ai suoi lettori il prossimo 23 settembre 2020 per
ricordare Giancarlo Siani nel 35esimo anniversario della sua morte
per mano mafiosa.
Con questo spirito di valore della memoria e dell’esempio il suo
giornale, l’editore Iod e la Fondazione Giancarlo Siani onlus hanno
voluto realizzare un’opera con gli articoli più significativi pubblicati sulle
pagine del quotidiano “Il Mattino” dal 1980 al 22 settembre del 1985
anche in occasione della decisione dell’Ordine dei giornalisti di
intestare alla memoria di Siani il tesserino di professionista che
era il sogno di Giancarlo.
La presentazione del volume si svolgerà in anteprima nazionale
venerdì 18 settembre alle ore 15.30 nella Sala degli Angeli
dell’Università Suor Orsola Benincasa, sede dal 2003 della prima
Scuola di Giornalismo del Mezzogiorno peninsulare con un’aula
intitolata nel 2008 proprio a Giancarlo Siani. Per ragioni di sicurezza
sanitaria la presentazione sarà esclusivamente ad inviti e sarà
trasmessa in diretta streaming sul sito web www.ilmattino.it e sulle
pagine Facebook de “Il Mattino” (www.facebook.com/ilmattino.it) e
dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli
(www.facebook.com/unisob).
Alla presentazione del libro, che sarà introdotta dal Rettore del Suor
Orsola, Lucio d’Alessandro, vicepresidente della Conferenza dei
Rettori delle Università Italiane, interverranno il direttore de “Il Mattino”,

Federico Monga, il presidente della Fondazione Pol.i.s, Don Tonino
Palmese, il consigliere della Fondazione Giancarlo Siani, Paolo Siani e
il segretario generale del Sindacato Unitario di Giornalisti della
Campania, Claudio Silvestri.
Nel corso della discussione saranno presentate le testimonianze video
sul giornalismo d’inchiesta di tre degli oltre duecento giornalisti
professionisti formatisi in questi anni alla Scuola di Giornalismo del Suor
Orsola (Antonio Crispino de “Il Corriere della Sera”, Renato
d’Emmanuele di “Rai Parlamento” e Marco Perillo de “Il Mattino”).
Giancarlo Siani fu ucciso dalla camorra la sera del 23 settembre del
1985 mentre era al volante della sua bella Mehari di colore verde dopo
una giornata di lavoro in redazione. La sua smisurata passione per il
giornalismo lo portò a essere, sin dagli inizi degli anni Ottanta, un
giornalista-giornalista, come è stato definito da Marco Risi nel film
Fortapàsc.
Il libro, che sarà distribuito gratuitamente con “Il Mattino”, intende dare
vita ad un grande progetto di lettura e di studio degli articoli e delle
inchieste di Giancarlo tra i giovani studenti. “Siamo convinti – evidenzia
il direttore Federico Monga – che la parola scritta di Siani debba essere
occasione di un’ampia discussione sulla lotta alle mafie e alla
corruzione. Lo dobbiamo a Giancarlo e al suo coraggio mite”.
Il libro “Giancarlo Siani. Giornalista-Giornalista” contiene 33 articoli
tratti dall’opera omnia: “Giancarlo Siani. Le parole di una vita. Gli
scritti giornalistici”

, a cura di Raffaele Giglio, Iod Edizioni.

I testi introduttivi del volume sono:
ll sacrificio di Giancarlo spartiacque della professione di Federico
Monga (direttore de “Il Mattino”)
Sfidò il male vent’anni prima di Gomorra scusaci del ritardo,
Giancà di Pietro Gargano (giornalista de “Il Mattino”)
Siani, parole di verità che squarciavano i troppi silenzi di Pietro
Perone (giornalista de “Il Mattino”)
Gli scritti di Giancarlo tra il diluvio e l’arcobaleno di Don Tonino
Palmese (presidente della Fondazione Pol.i.s.)
Il tesserino bordeaux e gli anticorpi buoni di Paolo Siani

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultime news

Potrebbe interessarti

In evidenza

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com